La demenza può richiedere un pedaggio finanziario. Ecco come proteggere la tua famiglia: Scatti

1686652041 La demenza puo richiedere un pedaggio finanziario Ecco come proteggere | isentertainmentgroup

Sharon Gwinn tiene in mano una foto di suo marito, che aveva la demenza da corpi di Lewy verso la fine della sua vita. Il comportamento finanziario sconsiderato è stato uno dei primi segni della malattia. « È quello che ha attaccato per primo il suo cervello », dice Gwinn.

Katie Blackley/WESA


nascondi didascalia

attiva / disattiva didascalia

Katie Blackley/WESA

1686652040 455 La demenza puo richiedere un pedaggio finanziario Ecco come proteggere | isentertainmentgroup

Sharon Gwinn tiene in mano una foto di suo marito, che aveva la demenza da corpi di Lewy verso la fine della sua vita. Il comportamento finanziario sconsiderato è stato uno dei primi segni della malattia. « È quello che ha attaccato per primo il suo cervello », dice Gwinn.

Katie Blackley/WESA

Sharon Gwinn era sposata da quasi 30 anni quando ha cancellato i risparmi e i conti correnti che condivideva con suo marito, e poi ha trasferito quei soldi in conti che erano solo a suo nome. Era orribile, come se stesse rubando. Ma a meno di perdere tutto, Gwinn non aveva più opzioni.

È stato circa 20 anni fa. Il marito di Gwinn lavorava ancora come inserviente in ospedale quando ha iniziato a spendere soldi in modo irregolare. Un giovedì sera ha accumulato un conto di $ 3.000 in un bar della polizia di Pittsburgh, comprando giri per estranei. Gwinn dice di aver scoperto la sua pazzia – qualcosa di totalmente fuori dal suo carattere – quando la sua carta di credito è stata rifiutata al supermercato.

Fu allora che si rese conto che suo marito stava mostrando il primo di una serie di cambiamenti cognitivi che alla fine sarebbero stati diagnosticati come demenza da corpi di Lewy.

« Ha guidato per anni dopo che la sua consapevolezza finanziaria era svanita », dice Gwinn. « È solo quest’area. È quella che ha attaccato per prima il suo cervello. »

Un numero crescente di ricerche mostra che le persone affette da demenza affrontano esiti finanziari peggiori. Come riportato da NPR, uno studio del 2020 della Johns Hopkins University su 81.000 beneficiari di Medicare ha rilevato che le persone con Alzheimer e demenze correlate hanno iniziato a sviluppare il credito subprime fino a sei anni prima di una diagnosi formale.

È tra un gruppo di studi che punto A problemi finanziari come possibile segnale di pericolo – piuttosto che solo la ricaduta – del declino cognitivo.

Carole Shepard, una responsabile dell’assistenza geriatrica autonoma nella periferia di Pittsburgh, afferma che è meglio iniziare a pianificare le implicazioni finanziarie della demenza quando le persone sono ancora cognitivamente sane: « Si tratta di controllare il proprio destino ».

Sebbene non esistano soluzioni perfette, ci sono alcuni passaggi che puoi adottare per proteggere te stesso o i tuoi cari mentre invecchi. Ecco i consigli di consulenti finanziari e professionisti della salute mentale.

Mettere in atto barriere finanziarie in anticipo

Per evitare sorprese, alcuni consulenti finanziari consigliano di avere conversazioni aperte sul denaro con i propri cari e di creare strumenti che tengano traccia delle tue finanze e segnalino eventuali schemi insoliti.

Sharon Gwinn è riuscita a proteggere se stessa e suo marito dalla rovina finanziaria. Ma ora, a 63 anni e vedova, Gwinn teme che se anche lei sviluppa la demenza, potrebbe andare in bancarotta prima che qualcuno se ne accorga: « Azzarderei un’ipotesi, i miei figli sanno molto di più sulle mie finanze di quanto probabilmente il 90% delle persone nella mia fascia d’età. Ancora non sanno quale sia la mia giornata. »

Gli esperti affermano che la paura di Gwinn è una possibilità reale per milioni di americani, in parte perché l’industria finanziaria ha esitato a mettere in atto cambiamenti che proteggessero la ricchezza degli americani che invecchiano. Ciò lascia gli individui e le famiglie a cercare salvaguardie.

Il mondo della tecnologia offre alcune opzioni a individui e famiglie che cercano supporto. Nel 2020 il National Institute on Aging evidenziato il lavoro di banconote d’argento, un servizio di portineria che si assicura che le bollette vengano pagate in tempo e ispeziona le fatture per frodi ed errori. Il Cetera Financial Group ha collaborato con attentouna società online che monitora frodi ed errori finanziari, fornendo anche un’assicurazione contro il furto di identità.

E come il AARP Appunti, EverSafe analizza i conti per spese insolite, come l’enorme conto del bar che il marito di Sharon Gwinn ha contato.

1686652040 697 La demenza puo richiedere un pedaggio finanziario Ecco come proteggere | isentertainmentgroup

Sharon Gwinn non vuole che la demenza danneggi le sue finanze se dovesse venirne a capo. Ha designato la figlia maggiore come sua procura e ha creato uno strumento per segnalare qualsiasi comportamento finanziario insolito. Questa protezione aggiuntiva fa sentire Gwinn più leggero. »[My daughter] spero che possa aiutarmi a stroncare le cose sul nascere prima di mettermi nei guai », dice Gwinn.

Katie Blackley/WESA


nascondi didascalia

attiva / disattiva didascalia

Katie Blackley/WESA

1686652040 307 La demenza puo richiedere un pedaggio finanziario Ecco come proteggere | isentertainmentgroup

Sharon Gwinn non vuole che la demenza danneggi le sue finanze se dovesse venirne a capo. Ha designato la figlia maggiore come sua procura e ha creato uno strumento per segnalare qualsiasi comportamento finanziario insolito. Questa protezione aggiuntiva fa sentire Gwinn più leggero. »[My daughter] spero che possa aiutarmi a stroncare le cose sul nascere prima di mettermi nei guai », dice Gwinn.

Katie Blackley/WESA

EverSafe afferma che può anche aiutare a prevenire frodi finanziarie e sfruttamento, una delle principali piaghe per gli americani più anziani. Il National Council on Aging stima che gli anziani negli Stati Uniti perdano 36,5 miliardi di dollari ogni anno a causa di abusi finanziari degli anziani. (In confronto, l’anno scorso gli americani hanno speso 45 miliardi di dollari in spese vive per case di cura e altre cure istituzionali.)

« Quei truffatori davvero intelligenti non si limiteranno a rubare una somma enorme da un account », afferma Liz Loewy, direttore operativo di EverSafe, nonché ex capo dell’unità per gli abusi sugli anziani presso l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di New York. « Di solito sono abbastanza intelligenti da iniziare in piccolo e coprire più di un account presso più di un istituto ».

Non tutti possono permettersi un servizio come EverSafe: i pacchetti vanno da circa $ 7 a $ 26 al mese. Ma un servizio del genere avrebbe potuto aiutare Gwinn, che non ha potuto impedire al marito di sottoscrivere nuove carte di credito anche dopo aver preso il controllo delle finanze della coppia. Dopo aver consultato i suoi quattro figli, ha deciso di acquistare per sé il pacchetto base.

Ora la figlia maggiore di Gwinn, designata come sua procura, verrà informata se EverSafe segnala qualcosa di insolito. Questa protezione aggiuntiva fa sentire Gwinn più leggero.

« [My daughter] spero che possa aiutarmi a stroncare le cose sul nascere prima di mettermi nei guai », dice Gwinn.

Lavorate insieme per creare un piano collaborativo con la vostra famiglia

Ancor più del monitoraggio finanziario, probabilmente la cosa più importante che puoi fare è coinvolgere la tua famiglia o i tuoi amici in un piano collaborativo sull’invecchiamento e le finanze, idealmente prima che compaiano i sintomi della demenza.

1686652040 65 La demenza puo richiedere un pedaggio finanziario Ecco come proteggere | isentertainmentgroup

Carole Shepard, responsabile dell’assistenza geriatrica, e suo marito hanno entrambi storie familiari di demenza. Hanno redatto ampi piani finanziari e li hanno condivisi con i loro figli adulti. « La speranza non è una strategia », dice.

Katie Blackley/WESA


nascondi didascalia

attiva / disattiva didascalia

Katie Blackley/WESA

1686652040 583 La demenza puo richiedere un pedaggio finanziario Ecco come proteggere | isentertainmentgroup

Carole Shepard, responsabile dell’assistenza geriatrica, e suo marito hanno entrambi storie familiari di demenza. Hanno redatto ampi piani finanziari e li hanno condivisi con i loro figli adulti. « La speranza non è una strategia », dice.

Katie Blackley/WESA

È più facile a dirsi che a farsi, dice Matt Lundquist, un terapista di New York City che lavora spesso con le famiglie su questioni relative al denaro – come il budget o la cura di un genitore anziano.

Il denaro può rappresentare stabilità, controllo, potere, autonomia e sicurezza, osserva Lundquist. Pertanto, affrontare i problemi di sicurezza finanziaria richiede che le persone riconoscano l’inevitabilità della morte – la propria e quella di coloro che amano – così come le realtà fisiche, mentali ed economiche dell’invecchiamento. Anche nelle migliori circostanze, il denaro è un argomento delicato, che può creare disagio e irritazioni e che spesso è considerato affare di nessun altro

È fondamentale non accecare i membri della famiglia con questo grande discorso; invece, Lundquist consiglia alle persone di avvisare che è necessario discutere di questioni finanziarie: « Rende molto più probabile che una conversazione difficile vada bene ».

La conversazione dovrebbe riguardare argomenti come la selezione di una procura finanziaria, come proteggersi dallo sfruttamento e le responsabilità della gestione quotidiana del denaro. UN guida dell’Università del Minnesota offre una serie di consigli pratici su tutto, dalla selezione di un avvocato finanziario a un elenco di documenti importanti e come completare un inventario finanziario.

Carole Shepard, la responsabile dell’assistenza geriatrica di Pittsburgh, avverte che sono necessarie conversazioni difficili e che i conflitti sono inevitabili, soprattutto quando coinvolgono qualcuno con demenza progressiva. Troppo spesso vede i suoi clienti più anziani in crisi perché la loro speranza era che un giorno sarebbero morti pacificamente nel sonno senza nessuna delle umiliazioni dell’invecchiamento.

« La speranza non è una strategia », dice.

Ecco perché Shepard e suo marito, entrambi sulla sessantina ed entrambi con storie familiari di demenza vascolare, hanno elaborato piani estesi che hanno condiviso con i loro figli adulti. Hanno nominato il figlio più giovane come procuratore finanziario e il figlio maggiore come procuratore medico. Prendendo queste decisioni ora, Shepard e suo marito credono – sperano – di preservare la loro autonomia.

Shepard spera anche che essere proattiva renda le cose più facili alla sua famiglia, sia emotivamente che finanziariamente, mentre lei e suo marito continuano a invecchiare.

Sharon Gwinn si sente allo stesso modo: « Non voglio che i miei figli siano responsabili di prendersi cura di me. Quello che ho, voglio che i miei soldi siano spesi per le mie cure e non voglio caricarli ».

Se la demenza è già in atto, includi il più possibile i tuoi cari nel processo decisionale

Sia Gwinn che Shepard sanno che se alla fine svilupperanno la demenza, tutta la loro pianificazione non proteggerà i loro figli da un certo grado di difficoltà. I sintomi sono imprevedibili e variabili: depressione, irritabilità, paranoia, impulsività. Ciò crea un dilemma per i figli adulti: spingere l’aiuto a genitori resistenti incita al conflitto; ignorare la realtà genera abbandono.

« La verità è che sarà difficile e le possibilità di successo completo non sono molto buone », afferma Bob Levenson, professore all’Università della California, Berkeley, specializzato nei cambiamenti emotivi che accompagnano l’invecchiamento.

Il miglior consiglio di Levenson per gli operatori sanitari e i propri cari è quello di includere il più possibile la persona con demenza nel processo decisionale. Se una persona non è in grado di esprimere i propri desideri, è comunque importante considerare i valori e gli interessi che aveva quando era in buona salute.

Ad esempio, forse un appassionato di calcio da una vita non è più in grado di pagare le proprie bollette; la persona responsabile del proprio budget mensile potrebbe includere un pacchetto via cavo che consenta loro di guardare le partite della NFL.

È fondamentale ricordare che la malattia è il nemico, dice Levenson: « In qualche modo, devi cercare di trovare un modo per stare dalla stessa parte con la persona amata e non finire per incolpare l’altro ».

Il reportage di Sarah Boden sulla demenza e il processo decisionale finanziario fa parte di una borsa di studio con l’Associazione dei giornalisti sanitari, sostenuta dal Commonwealth Fund.